Individuazione e traiettorie dei sintomi prepsicotici

Vulnerabilità cognitiva nei disturbi dell’umore

Francesco Franza

Psichiatra

Abstract

La riserva cognitiva è un fattore importante nel ridurre il naturale decadimento cognitivo. Individuata nelle patologie neurodegenerative assume sempre di più un ruolo anche dell’evoluzione dei processi sintomatologici di diverse patologie psichiatriche. Poco studiata in questo settore potrebbe essere utile per individuare sottogruppi di pazienti affetti da disturbi dell’umore e valutarne la correlazione con le traiettorie diagnostiche e terapeutiche. Nel nostro studio osservazionale abbiamo valutato la correlazione tra riserva cognitiva e traiettorie cognitive in un gruppo di pazienti affetti da disturbi dell’umore (tot.: 136 pz; BD-I. II: 64 pz; MDD: 56). I risultati ottenuti dopo due anni di osservazione sono indicativi di una correlazione tra i livelli di riserva cognitiva e traiettorie sintomatologiche. Non sono state osservate variazioni e correlazioni significative tra un altro fattore di indagine, la salienza aberrante e le traiettorie sintomatologiche.

Parole chiave: Riserva cognitiva; Salienza aberrante; Disturbi dell’umore; Domini cognitivi.

Franza A: Individuazione e traiettorie dei sintomi prepsicotici: vulnerabilità cognitiva nei disturbi dell’umore. In: Telos, no Q2, pp. 93-103, 0000, ISBN: 978-88-9470784-7. (Tipo: Journal Article | Abstract | Links)

Autore

Articoli correlati